La rivista laico-liberale "Strade" per il SI al Referendum Costituzionale

Facebook
GoogleShare

STRADESi è svolto all' Hotel Nazionale di Piazza Montecitorio in Roma il dibattito sulla Riforma Costituzionale organizzato dalla rivista di politica ed economia "Strade" che ha visto la partecipazione del ministro delle Riforme Istituzionali Maria Elena Boschi ed il sotto-segretario degli affari esteri.

 

Carmlo Palma (Direttore responsabile di "Strade") ha inizialmente asserito che la rivista endorsa convintamente la Riforma Istituzionale e che non è usuale che in Italia una rivista sostenga apertamente una riforma essendo più che altro un' usanza inglese.

Non esiste la Riforma Costituzionale perfetta, ogni riforma punta a cambiare qualcosa e lasciare inalterato qualcos'altro.

La prima parte della Costituzione infatti rimane intatta, quella che cambia è quella riguardante l'architettura delle istituzioni.

Come afferma Palma, il più grande errore che si può fare è trasformare questo Referendum in un Referendum sul Governo.

Sarebbe, se così fosse, una grande occasione persa, quando invece si dovrebbe entrare nel merito della questione che il Referendum pone e pensare che sia il SI che il NO avranno delle conseguenze di lungo periodo.

La Riforma Costituzionale non tocca i poteri nè del Parlamento nè del Governo e nè del Quirinale, i cosi detti "contrappesi" rimangono gli stessi.

Piercamillo Falasca (Direttore Editoriale di Strade), ha evidenziato come i contrari alla Riforma Costituzionale si aggrappino a delle bufale per contrastare la Riforma stessa.

Una di queste bufale afferma  che una sola maggioranza può scegliersi liberamente il Presidente della Repubblica, ma cio non è vero poichè per eleggere il Presidente della Repubblica servono altri voti al di fuori della maggioranza di Governo .

Un'altra bufala riguarda l'illegittimita' degli atti di un Parlamento uscito da una legge elettorale incostituzionale, ma la Corte Costituzionale ha affermato la leggitimità degli atti.

Votare no significa favorire le rendite di posizione ed i privilegi di alcuni.

 

Benedetto Della Vedova (sottoSegretario affari esteri) ha ricordato come già nel 2006  è stato favorevole alla Riforma della Costituzione, non  tutte le riforme sono necessariamente positive ma questa è un deciso passo in avanti.

Alcuni costituzionalisti sono un pò come Bertoldo, il quale si sarebbbe fatto impiccare se avesse trovato la corda giusta che infatti non la trovò mai. Analogamente per alcuni costituzionalisti non c'è mai la riforma giusta.

Parlando poi del presunto combinato disposto della Riforma con la legge elettorale Italicum non si può certo parlare di dittatura dato che la maggioranza ha rispetto all' opposizione solo 26 parlamentari di maggioranza.

Per la richiesta Referendum se si riescono a raccogliere 800.000 il quorum si abbassa notevolmente e sarebbe uguale alla metà + 1 di quelli che hanno votato alle ultime elezioni politiche.

Ha terminato il suo discorso dicendo che è assurdo usare il Referendum per voler affossare Renzi, le battaglie politiche si fanno alle elezioni.

 

Maria Elena Boschi (Ministro delle Riforme Istitrizionali) ha affermato che non esistono riforme istituzionali perfette, ed anche nel 1948 nella fase della Costituente c'erano state delle critiche alla Costituzione, addirittura Salvemini disse che i migliori articoli erano quelli che contemplavano la possibilità di cambiare la Costituzione stessa.

Le modifiche alla Costituzione sono state fatte rispettando le procedure insite nell'articolo 138, è stato un lavoro di 2 anni con 6 letture parlamentari, con una maggioranza del 60% che ha votato questa riforma.

Sono state fatte 120 modifiche rispetto al testo originario, la parola ora va ai cittadini.

E' una riforma che consentirà di risparmiare 500 milioni di euro ogni anno e che grantirà la stabilità dei governi.

 

 

 

 

 

 

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

mancano al referendum:

DAI UN CONTRIBUTO

CONTRIBUTO VOLONTARIO AL COMITATO ON LINE LA RETE VOTA SÌ

TARGA

Abbiamo 9 visitatori e nessun utente online